Documento senza titolo
I-Gop, Innovative GOod Products
Home ••Mio Account •• All Products •• Contenuti Carrello •• Acquista •• Contattaci ••
mercoledì 28 giugno, 2017
Lingue
Italiano english
Ricerca nel Sito
 
Inserisci una Parola Chiave
Ricerca Avanzata
Linea Prodotti
 Misuratori di Potenza
 o.Symetric
 Rotor®
 ZENBike®
 Dimar-HBM®
 the un~Saddle®
 Ktrak®
 Rawoflex®
Accedi al tuo Account
Tuo indirizzo e-mail
Tua Password
Carrello
0 Oggetti
Metodo di pagamento:
BOX_INFORMATION_CARDvendite@skopre.com
BOX_INFORMATION_CARDvendite@skopre.com
Informazioni
Riferimenti e Contatti

FAQ Prodotti Rotor®
FAQ the un-Saddle

Informativa sulla Privacy
Condizioni di Vendita e Pagamenti
Modalita' di pagamento
Garanzia

Contattaci
Pubblicità
Links
Activity Links

FAQ the un-Saddle

Tutte le risposte alle domande più frequenti sulla the un-Saddle e su tutti gli altri aspetti del prodotto. Una guida sintetica al servizio degli utilizzatori per orientarsi meglio e migliorare l'efficienza della pedalata, le prestazioni ed il controllo per tutti i tipi di specialita' ciclistiche. 

Domanda n. 1
Ho provato diversi doloretti alle ginocchia, tibiale anteriore, ma adesso sembra tutto a posto?
Domanda n. 2
Comincio ad aumentare le mie prestazioni, ma nello stesso tempo mi chiedevo come regolare al meglio l'altezza della sella per ottenere la migliore biomeccanica. Io ho regolato l'altezza della sella esattamente come quando avevo la sella normale (mi era stata regolata da un biomeccanico), tuttavia ho l'impressione di sentirmi un po' basso
Domanda n. 4
E' normale sentire soprattutto in salita intervenire molto la muscolatura posteriore (bicipite femorale)?

Domanda n. 5
Sella (tradizionale) troppo alta

Domanda n. 6

Sella (tradizionale) troppo bassa


Ho provato diversi doloretti alle ginocchia, tibiale anteriore, ma adesso sembra tutto a posto.
BENE, E' ABBASTANZA FREQUENTE CHE ALL'INIZIO LA DIFFERENZA SI ESPRIMA CON DOLORI DOVUTI AL DIFFERENTE IMPIEGO DEI MUSCOLI CHE LA NON-SELLA SOLLECITA. back-->

Comincio ad aumentare le mie prestazioni, ma nello stesso tempo mi chiedevo come regolare al meglio l'altezza della sella per ottenere la migliore biomeccanica. Io ho regolato l'altezza della sella esattamente come quando avevo la sella normale (mi era stata regolata da un biomeccanico), tuttavia ho l'impressione di sentirmi un po' basso.
LA REGOLAZIONE DELL'ALTEZZA NON E' COSI CRITICA COME NELLE SELLE TRADIZIONALI SULLE QUALI IL CICLISTA RIMANE "APPESO". L'IMPORTANTE E' NON ANDARE IN IPERESTENSIONE, E POI "ASCOLTARE" IL PROPRIO CORPO PER IDENTIFICARE LA POSIZIONE MIGLIORE. back-->


E' normale sentire soprattutto in salita intervenire molto la muscolatura posteriore (bicipite femorale)?
SI.... FINO AD ADATTAMENTO AVVENUTO (CHE SE INTENDIAMO L'ADEGUAMENTO E DIMENSIONAMENTO DEI MUSCOLI CHE LA NON-SELLA INIZIA A FAR "LAVORARE") LE INCOLLO ALCUNE NOTIZIE CHE POSSONO ESSERE UTILI. back-->

Sella (tradizionale) troppo alta
Un'altezza sella elevata riduce l'efficienza di spinta sui pedali e apporta tensioni che predispongono o conducono a patologie da sovraccarico funzionale. In questa situazione, nella prima parte della spinta la gamba riesce a imprimere una buona potenza sui pedali, ma nell'ultima fase la spinta non è efficace, con un considerevole rallentamento al punto morto inferiore. La sella alta, inoltre, costringe la gamba a una maggiore distensione e a una conseguente oscillazione del bacino nella fase finale della spinta. Tale situazione può causare alla schiena ulteriori sollecitazioni tali da aumentare gli alti rischi di mal di schiena già frequenti con l'utilizzo di una sella con "naso" al quale il ciclista rimane appeso mentre pedala.
NEL CASO DELLA NON-SELLA, OLTRE AL FATTO CHE IL CICLISTA NON E' MAI "APPESO" ALLA SELLA NELLA PARTE PERINEALE (OUCH!) IL MOVIMENTO BASCULANTE DELLA STESSA FA DIMINUIRE LEGGERMENTE LA DISTANZA TRA LA PIANTA DEL PIEDE E L'APPOGGIO ISCHIALE SUL SOPRASELLA, E QUINDI COMPENSA EFFICACEMENTE. back-->

Sella (tradizionale) troppo bassa
Questa situazione rende difficoltoso il superamento del punto morto superiore. Il rallentamento nella rotazione del pedale che ne consegue e la condizione non ottimale del ginocchio e dei muscoli estensori determinano una fase iniziale di spinta limitata e una notevole dispersione di energia nella fase finale. Il notevole piegamento del ginocchio, nella prima fase della spinta, è una condizione negativa e di alto rischio di usura delle cartilagini di questa articolazione. Inoltre, il maggiore impegno dei muscoli adduttori nello stabilizzare la posizione del ginocchio durante la dinamica della pedalata può condurre, in alcuni casi, a dolori pubalgici.
NEL CASO DELLA NON-SELLA IL MOVIMENTO BASCULANTE DELLA STESSA FA AUMENTARE LA DISTANZA TRA LA PIANTA DEL PIEDE E L'APPOGGIO ISCHIALE, E QUINDI COMPENSA EFFICACEMENTE. back-->

Continua